Il fascino discreto della Maremma si svela al visitatore in tutta la sua crepuscolare bellezza. Contorni lievi, tramonti da sogno punteggiati da cipressi e pini marittimi, e tutto intorno quel profumo di macchia mediterranea che ti entra dentro. Una terra affascinante a tratti selvaggia e incontaminata, stretta fra collina e mare, che nasconde secoli di lotta per la sopravvivenza e il dominio sugli elementi, fin dai tempi degli Asburgo-Lorena, che nell’Ottocento diedero il via alla prima grande bonifica, per rendere abitabili quegli acquitrini malarici, e ora che la battaglia è vinta, non resta che godere dei frutti. Tra le mete preferite di un turismo elitario e colto, su una collina panoramica che domina dolci rilievi ricoperti di ulivi e vigneti, si erge Tenuta La Badiola, 5000 metri di natura, e un resort luxury realizzato sulle spoglie di una villa neorinascimentale, che era residenza del Granduca di Toscana Leopoldo II di Lorena.
Un borgo incantevole acquisito nel 2000 dai soci Carmen Moretti, Martino de Rosa e Alain Ducasse, accuratamente restaurato, e ripensato dallo studio dell’architetto Ettore Mocchetti, direttore di AD Italia, dove recarsi per ritrovare sé stessi, in un’atmosfera senza tempo, fatta di relax, buona cucina e wellness. L’elegante complesso, ora interamente di proprietà della famiglia Moretti, comprende l’Andana, uno stupendo resort a cinque stelle, inaugurato nel 2004 sulla struttura della villa, con 33 stanze e suite, arredate accuratamente con pavimenti in legno, caminetti in pietra, tendaggi e tappezzerie di pregio nei colori della Maremma. Al pian terreno la hall, superbo connubio di antico e contemporaneo, e poco più in là sulla terrazza il ristorante gourmet. Guidato da quattro anni dal direttore Riccardo Ortogni, un master alla Bocconi ed esperienze all’Albereta di Erbusco (anch’esso del Gruppo Moretti), l’Andana, associato all’esclusiva catena “The Leading Hotels of the World”, è anche spa destination, con un attrezzato centro wellness, distribuito su 600 mq, ispirato a una filosofia di benessere naturale e olistico. Programmi personalizzati fisico-mentali, rilassanti, sportivi, anti-stress, anti age, con prodotti naturali a base di erbe spontanee e sali marini, della linea inglese Espa. Cabine trattamenti anche di coppia, per aromaterapia, talassoterapia e fitoterapia, sauna, bagno turco, docce emozionali, una vasca idromassaggio a 36°, una piscina di acqua calda interna e una esterna a temperatura ambiente, oltre a un’attrezzata fitness room. Un’esperienza accompagnata a richiesta da assaggi di specialità dolci e da una vasta scelta di tisane, tè e acque di frutta, in abbinamento ai trattamenti scelti.
A fianco, il resort country chic Casa Badiola Tuscan Inn, sorto nel 2010 dalla ristrutturazione delle fattorie adiacenti, che dispone di 47 camere e suite, con angolo cottura e mezzanino, rivolte alle colline e al campo golf pratica. A pochi passi, dove si trovava l’antico granaio della tenuta, sorge invece la Trattoria Enrico Bartolini, 1 stella Michelin, ricevuta nel 2016. Una sala accogliente, con travi in legno, camino e ampie vetrate, nella quale riscoprire la cucina toscana e regionale italiana, attingendo alle materie prime locali e all’orto, grazie all’estro di un grande interprete contemporaneo, che ha collezionato ad oggi, cinque ristoranti e sei stelle Michelin, divenendo così lo chef più stellato d’Italia. La produzione enologica è una sfida subito colta dal Gruppo Moretti, anche qui, in una terra cosi vocata, dai terreni argillosi e limosi, dalle caratteristiche climatiche e morfologiche così diverse, capaci di esprimere una varietà così ampia di vini, come nessuna altra area della Toscana. E nasce Acquagiusta, prendendo il nome da una sorgente di acqua purissima che scorre non lontano. Un’azienda giovane, parte del Gruppo Moretti, che conta sei cantine in tre regioni d’Italia. Una produzione di circa 200.000 bottiglie suddivisa tra Fermentino, Rosato e Rosso, con tecniche produttive responsabili, vendemmia a mano, pigiatura a bassa pressione, fermentazione e affinamento in vasche di acciaio, a cura dell’enologo Luca Corsini. Accanto un fornito wine shop, dove avere informazioni, acquistare e partecipare a degustazioni, grazie alla professionalità di Tina Van Impe, responsabile dell’accoglienza.

www.andana.it

By Luca Bonacini

 

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata