Nel borgo medievale di San Casciano Bagni, estrema propaggine senese della Val d’Orcia, ai piedi del Monte Amiata, si va per staccare da tutto, immergersi nella storia e godere dei trattamenti termali di una meta, da sempre legata al benessere, con ben 42 sorgenti termali.
Declivi ordinati, circondati da boschi, piccoli centri arroccati, pievi e monasteri, circondano il resort Fonteverde SPA, una permanenza senza eguali, dove affidarsi alle mani esperte di personale altamente qualificato, con cui concordare efficaci percorsi personalizzati, remise en forme, da vivere in totale relax. Un’ angolo di Toscana, non distante dalla via Cassia e dalla via Francigena, dove da sempre sgorga senza sosta, una salutare acqua termale particolarmente indicata nella cura delle patologie reumatiche, nell’azione antinfiammatoria e analgesica delle vie respiratorie, efficace disintossicante per il fegato, le vie biliari e l’apparato digestivo. Una pratica da cui l’uomo, fin da epoca etrusca, trae beneficio, ma non solo, si racconta infatti, che anticamente anche gli animali delle fattorie e quelli dei pellegrini di passaggio, venissero periodicamente immersi in quella magica acqua, per proteggerli dalle infezioni, e dalle patologie di cui soffrono abitualmente, per questo motivo, oggi, un’area del resort spa, è pet-friendly, dotata di una piscina con acqua termale a 36°, dedicata agli amici a quattro zampe, inseparabili compagni dell’uomo. L’imponente villa medicea che ospita il resort, eretta nel 1607 dal Granduca Ferdinando I, lascia senza fiato, è un concentrato di storia, con saloni, camini, lunghi corridoi, affreschi e decori, dove convivono antico e contemporaneo, mentre all’esterno c’è il parco centenario, il giardino, e una cappella del 1200.
Una meta wellness, indicata da Travel & Leisure tra le top ten destination Spa del mondo, dove il confort dell’ospite è al primo posto, e le più moderne tecniche sposano pratiche ancestrali, attraverso percorsi benessere che attingono alle acque minerali della falda sotterranea del vulcano Amiata, acqua che si puШ anche bere a tutte le ore del giorno. Si può scegliere fra il Percorso interno ed esterno Bioaquam con bagno di luce e 22 diversi tipi di idromassaggio, il percorso Kneipp idrovascolare, le sei piscine termali e non, con diverse temperature, idro, getti e cascata, il percorso etrusco, con sauna, bagno di calore e bagno turco, la fangoterapia, la terapia idroponica, l’aerosol o inalazione termale, la doccia nasale micronizzata, l’humage. Di grande suggestione anche la zona notte, con camere sontuose, di classe queen, privilegi, junior suite, e suite, ampie e di grande eleganza e confort, con bagni in travertino, wi fi, giornale, salottino, scrivania da lavoro, e vista sulla splendida Val d’Orcia. Il benessere e la forma fisica che si ricercano in un’esperienza wellness, sono tali solo se passano da un percorso totalizzante che prende in esame tutti gli aspetti del vivere quotidiano, dall’alimentazione, all’attività fisica, dal tonificare il corpo e i muscoli, all’equilibrio psicofisico, al relax completo, messi a punto grazie al contributo professionale di personal trainer, medici, nutrizionisti, chef, esperti, che lavorano in sinergia mettendo in campo le proprie competenze in ogni singola materia. “Anche la cucina ricopre un ruolo importante a Fonteverde” – racconta il general manager Antonello Del Regno, alla guida del resort, da quattro anni e mezzo – “il nostro executive chef Salvatore Quarto, predilige prodotti della Val d’Orcia, grani antichi, farine locali, farro, ceci, ma anche formaggi, olio, salumi, pasta fresca e pani artigianali, ed è molto attento a predisporre percorsi del gusto adatti ai diversi momenti della giornata, che abbracciano la classica tradizione toscana, con le bruschette, i pici, le tagliatelle, la Chianina, affidandosi ad ingredienti sempre freschi, inserendo qualche piatto di pesce solo quando è fresco e di primissima qualità.
Ogni giorno un menu, a ridotto contenuto di sale e zucchero, in luogo di erbe aromatiche, che contiene un consiglio dello chef e un consiglio “Equilibrium”, che è l’essenza della filosofia di Fonteverde, un idea di soggiorno che prevede i trattamenti di acqua termale, l’alimentazione a base di piatti leggeri ma gustosi, fino alla parte fisica e psichica, con tecniche anti stress, programmi mirati di remise en forme, che riguardano il peso e lo star bene, e programmi più estremi e concentrati, con diete intermittenti o diete gourmet, fortemente vegetali, senza zuccheri e carboidrati, della durata di tre o cinque giorni, che iniziano dopo una visita medica, e il consulto di una biologa nutrizionista. Al termine della permanenza – prosegue Del Regno – ci si sente meglio, la pelle è più lucida, si è più energici, e ci si riappropria dei sapori e dei profumi, grazie a programmi che stimolano tutto il fisico a rigenerarsi. Quattro volte all’anno poi c’è la scuola di cucina, cinque giorni di full immersion, dove gli ospiti vengono guidati dal nostro chef alla scoperta della cucina leggera, imparando a utilizzare gli ingredienti più sani, per ottenere piatti gustosi ma bilanciati. L’american bar è affidato al bartender Andrea Francardi – conclude Del Regno – che è stato campione italiano e finalista mondiale a Tokyo nel 2016, a suo agio nei cocktail salutisti e naturali, come nei grandi classici e in quelli creativi. La sua specialità? L’ampia gamma di Gin & Tonic, e il Bloody Mary, preparato con pomodoro fresco frullato al momento”. Lo stile e l’eleganza del Gruppo Italian Hospitality Collection, si possono trovare a Fonteverde e nelle altre tre strutture del gruppo: Bagni di Pisa, Grotta Giusti in Valdinievole, e Chia Laguna in Sardegna.

FONTEVERDE Località Terme 1
53040 San Casciano dei Bagni (SI)
Tel. +39 0578 57241 www.fonteverdespa.com

 

Edit  by Luca Bonacini

A proposito dell'autore

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata