Ricicla i tuoi abiti usati, per l’ambiente e per te stesso

La qualità di ciò che indossiamo è e deve essere una garanzia per tutti noi consumatori. Gli indumenti sono la prima barriera a protezione del nostro corpo contro gli agenti esterni ma, di conseguenza, anche il contatto più prettamente diretto con la nostra pelle.

Per questo motivo, a maggior ragione, sapere che cosa stiamo indossando e come questi indumenti sono arrivati fino a noi, come sono stati fabbricati, con quali materiali e con quanti coloranti, è importantissimo e necessario per assicurarci di indossare non solo qualcosa di piacevole alla vista, ma anche e soprattutto qualcosa di “buono” sulla nostra pelle.

OVS, l’abbigliamento che veste di sicurezza e di sostenibilità

Lo sa bene OVS, il marchio dell’ormai diffusissima e altrettanto conosciuta catena di negozi d’abbigliamento italiana, che coniuga stile e qualità dei propri capi, con la sostenibilità.
Ebbene sì, perchè nel contesto soprattutto climatico in cui ci troviamo a vivere oggi, la qualità di un prodotto non può che andare di pari passo con la sua sostenibilità ambientale.

Ed è proprio per questo che è nato il progetto “OVS Ricicla i Tuoi Abiti Usati” che consiste, come il nome stesso suggerisce chiaramente, di portare in negozio i nostri abiti usati che ormai non indossiamo più, quelli che altrimenti avremmo gettato nella spazzatura per intenderci, e ricevere in cambio un buono di 5 euro spendibile in negozio sull’acquisto di nuovi capi d’abbigliamento.

OVS, l’abbigliamento che veste di sicurezza e di sostenibilità

Grazie a questa iniziativa non solo evitiamo l’inutile accumulo in discarica, ma diventiamo parte attiva dell’importante processo di riciclo. Un processo che al giorno d’oggi è, o comunque dovrebbe essere, alla base di ogni cosa, di ogni nostro gesto. E OVS ce lo fa capire avvicinandoci al delicato tema del riciclo non solo per i rifiuti alimentari e/o domestici, ma anche per i capi d’abbigliamento. Questi ultimi, infatti, dopo essere stati consegnati in negozio direttamente da noi clienti, vengono selezionati, analizzati e ri-trasformati seguendo rigidi standard e facendo uso delle tecnologie più avanzate.

Un impegno importantissimo e di grande valore quello che OVS si assume nei confronti dell’ambiente, per andare incontro concretamente al sempre più imminente bisogno di salvaguardare il nostro pianeta. E la soluzione migliore per farlo è cercare in tutti i modi possibili di dare nuova vita agli oggetti del nostro quotidiano, quindi anche ai nostri vestiti. Perchè è proprio su questo che si basa un’economia circolare e sostenibile, nel dare una seconda possibilità di rinascita e di riutilizzo a ciò che si pensa essere ormai “esaurito”.
Pertanto, l’obiettivo che si pone OVS è di incrementare progressivamente l’utilizzo di fibre provenienti da processi di riciclo per dare un vero e palpabile valore al procedimento di recupero degli abiti a fine vita.

OVS, l’abbigliamento che veste di sicurezza e di sostenibilità

Non si pensi, inoltre, che il progetto “OVS Ricicla i Tuoi Abiti Usati” conduca unicamente alla generazione di nuovi abiti con tessuti recuperati e rinnovati, perchè non è tutto. Una delle fasi a maggior impatto nel riciclo dei prodotti di abbigliamento, infatti, è la fase di tintura.
Il sofisticato e innovativo processo tecnologico utilizzato, consiste nel polverizzare i capi usati e i ritagli tessili per trasformarli in nuova tintura. Così facendo si ottiene un minor utilizzo di sostanze chimiche e, di conseguenza, si riduce notevolmente l’inquinamento dell’acqua.

In poche parole, OVS ci fa capire che riciclare i nostri abiti usati conviene: si può ridurre l’impatto ambientale, guadagnare un piccolo ma pur sempre significativo sconto sulla nostra spesa, e mantenere l’acqua più pulita senza compromessi sulla qualità. Insomma, riciclare conviene. Giova all’ambiente e, più direttamente, alla salute della nostra pelle.

 

La naturalezza del cotone per una “salute sostenibile”

Si delinea chiaramente, dunque, la scelta di produzione di OVS: una scelta di naturalezza. E a tal proposito, il cotone è senza ombra di dubbio il materiale più naturale in assoluto. OVS, infatti, acquista ogni anno più di 25mila tonnellate di cotone, e quest’ultimo rappresenta ben il 65% dei materiali utilizzati nella fabbricazione dei propri prodotti.

Purtroppo, però, non sempre l’essere naturale è anche sinonimo di un basso impatto ambientale.
La coltivazione convenzionale del cotone, infatti, pur coinvolgendo la minor parte dei terreni coltivati, è purtroppo responsabile dell’utilizzo più massiccio di insetticidi e pesticidi. Provocando danni alla salute dei coltivatori, e richiedendo un ingente consumo di acqua e di fertilizzanti.

OVS, l’abbigliamento che veste di sicurezza e di sostenibilità

Fortunatamente, esiste un’alternativa, ed è proprio verso questa direzione che ha deciso di volgersi OVS: un cotone più sostenibile, coltivato in maniera etica attraverso una drastica riduzione, fino all’eliminazione totale, di tutte le sostanze chimiche dannose. Tramite questo approccio, che permette di utilizzare minori quantitativi d’acqua (con un risparmio fino al 90%) si contribuisce, inoltre, al miglioramento della qualità del terreno e delle condizioni di lavoro delle persone coinvolte.

Insomma, OVS opera davvero in prima linea per la salvaguardia dell’ambiente e della nostra salute, concetti chiave basilari che partono proprio dalla sostenibilità.

 

L’ “animal free” che appaga anche l’occhio

E sostenibilità significa non solo prendersi cura di noi e dell’ambiente che ci circonda, ma anche degli animali, che sono anch’essi parte integrante di tutto questo.

Pertanto, la politica di OVS è quella di produrre abbigliamento a zero contenuto di elementi animali. In primo luogo per schierarsi contro il maltrattamento degli stessi che queste pratiche comportano e, in aggiunta, per ridurre notevolmente l’impatto che tali produzioni hanno sull’ambiente. In questa ottica, OVS è quasi completamente “animal free”, essendo riuscita ad eliminare i materiali di origine animale dal 99% dei propri prodotti.

OVS, l’abbigliamento che veste di sicurezza e di sostenibilità

Un successo, insomma, anche perchè oggi è possibile scegliere alternative più sostenibili di origine vegetale o sintetica che garantiscono qualità e comfort equivalenti, se non addirittura superiori.

OVS, l’abbigliamento che veste di sicurezza e di sostenibilità

Indossare un abbigliamento sostenibile conviene eccome, perchè è un atto di gentilezza e di riguardo non solo verso l’ambiente, ma anche verso noi stessi.

Francesca Motta

A proposito dell'autore

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata