Di Santo Domingo mi piacciono i campi da golf, il mare e la gente. Nel corso degli ultimi anni, nei numerosi viaggi stampa che ho fatto, ho visitato per voi quasi tutti i campi da golf, dove ho colto l’occasione anche per fare qualche tiro. Se siete alla ricerca di un campo da golf originale, dal quale godere di una meravigliosa vista mare, vi consiglio di fare tappa alla Repubblica Dominicana che vanta il numero più alto di green vista mare dei Caraibi, ben 29, e sette campi con 86 buche. Desiderate saperne di più? Ecco una breve presentazione dei campi da golf più caratteristici dei Caraibi.

Playa Grande Golf Course a Rio San Juan 
Disegnato dall’architetto Robert Trent Jones Senior e rimodernato dal figlio, offre ai golfisti la possibilità di giocare in un contesto unico con vista sul mare cristallino. Più della metà delle buche si trova infatti lungo la scogliera che costeggia l’Oceano Atlantico. A seguito della riprogettazione di sei delle nove buche, per dare spazio al nuovo Amanera Resort sul bordo della scogliera, le ultime cinque buche sono state progettate vicino al mare.

Corales e Punta Espada a Punta Cana
Sono due tra gli altri cinque campi da golf sulla costa che hanno buche vista mare. Punta Espada, semplicemente paradisiaco, è stato progettato da Jack Nicklaus, e da anni detiene il primo posto nella lista di Golf Week’s Best of the Caribbean & Mexico. E’ composto da diciotto buche: otto si affacciano sul mare e dieci sull’Oceano Atlantico. Progettato da Tom Fazio, il Corales vanta il Devil’s Elbow, il più bel percorso a tre buche del mondo del golf, che culmina con la diciottesima buca a “u”, a fianco della baia. Su 18 buche, dodici danno sul mare e sei sull’Oceano Atlantico. Delle 27 buche appartenenti alla vicina Cana, quattordici permettono ai golfisti di giocare direttamente accanto all’acqua, incluse le due buche del campo Arrecife.

Casa del Campo
Da sempre nelle classifiche dei top 100 al mondo, Teeth of the Dog è uno dei quattro campi progettati da Pete Dyes nel Resort La Romana sulla costa sud-est. All’interno della trilogia delle 18 buche par 72, sette danno sul mare dei Caraibi, tra rocce e vento. Il suo nome deriva dalle frastagliate formazioni rocciose che si affacciano sul mar Caraibico, sul quale Dye progettò il green. Il campo vicino, Dye Fore, О situato sulle scogliere in prossimità della valle del fiume Chavon ed ha 13 buche.

Playa Dorada Golf Club a Puerto Plata
A nord, a Puerto Plata, si trova Playa Dorada Golf Club, un campo da golf progettato da Trent Jones che ha quattro buche affacciate sull’Atlantico. Ma non dimentichiamo i campi dell’entroterra. Qui si possono provare dodici campi da golf, tra cui il Lakes Barcelo Golf Course con 25 laghi incastonati all’interno di una foresta di mangrovie; il campo progettato da Nicklaus Design presso il Golf Club Hard Rock a Cana Bay, con ampi farways, green ben protetti e dove dei fenicotteri rosa aggiungono un tocco di colore e il Guavaberry Golf & Country Club, progettato da Gary Player, situato a 30 minuti dall’areoporto della capitale Santo Domingo, al confine con una foresta tropicale fiancheggiata da imponenti palme. Qui ho avuto la fortuna di seguire la direzione della comunicazione per qualche anno e posso assicurarvi che è un campo stratosferico.

Se avete dubbi dove andare a giocare quest’inverno, dopo aver letto questo mio articolo non ne avrete più.

By Donato Ala

A proposito dell'autore

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata