by Beth Vermeer

Quando l’arte visiva entra nell’alta cucina, si sofferma su un elemento che, da molti secoli, non è mai considerato un indumento di tale importanza per diventare un oggetto di culto. Parliamo del grembiule la cui storia va ben oltre quella della camicia comparsa nel Trecento grazie alla dinastia dei Medici. In realtà il grembiule è l’abito più antico del mondo anche se l’evoluzione del grembiule è variegata e concettualmente tormentata, da quello preistorico creato di foglie dei popoli africani al grembiule di cuoio dei mestieri medioevali, dal grembiule massonico fino al grembiule americano Hoover degli Anni Sessanta, e al grembiule stilizzato per uomo sondato sulle passerelle di recente.

Diverso il grembiule dei nostri tempi che diventa piuttosto un oggetto colto. Un esempio recente della sua rivisitazione è opera della Creativa Stefania Alba, ideatrice del marchio Brunellesca You Art, Firenze, che nobilita il grembiule su piano formale, materiale e intellettuale. In sintonia con le tendenze ecologiche di una società cosciente del rispetto per la natura, i grembiuli sono realizzati in tessuti naturali che donano l’aspetto sartoriale minimale. L’immaginario scelto per le stampe deriva dai registri pittorici dell’artista fiorentino Andrea Mancini il cui mondo dipinto è una curiosa accumulazione di oggetti messi in serie: ritratti di libri, pianoforti, pneumatici, foglie di piante esotiche e motivi di recycling che Stefania Alba trasforma nel digitale per stampare le immagini successivamente su tessuto. Il messaggio che passa non è solo estetico: così il grembiule diventa un veicolo idoneo per raccontare di cultura. Nel 2015 Stefania Alba si presenta per la prima volta con un’istallazione site-specific di sette grembiuli ambientati in un ristorante nella zona archeologica, un lavoro realizzato per la Terza Edizione di Donne Inquiete. Percorsi urbani di cultura e di arte contemporanea. Nel 2017, all’Orto Botanico “Giardino dei Semplici” di Firenze, Stefania Alba realizza una serie di grembiuli secondo i canoni di una visione green della moda, dalle tematiche ispirate alla natura fino all’utilizzo di tessuti naturali come canapa, lino, juta. Attualmente una nuova serie di grembiuli è in mostra da Enzo e Piero a Firenze fino al 20 gennaio 2018. Il marchio Brunellesca è il sinonimo di raffinati accessori di design in edizione limitata e gli stessi canoni valgono anche per il grembiule. Indossare i suoi grembiuli d’arte vuol dire aprirsi a priori ad una passeggiata in dimensioni incrociate tra la storia, l’arte, la letteratura, il fashion design e l’eccellenza del Made in Italy.

A proposito dell'autore

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata